Affido part time

Uno spazio e un tempo familiare nel fine settimana, nelle vacanze o poche ore al giorno.
Il bambino o il ragazzo, che vive in comunità o in una famiglia con qualche difficoltà quotidiana, sperimenta con l’affido part time occasioni di crescita diverse.
Trascorre con la famiglia accogliente momenti di quotidianità, compatibili con gli impegni di tutti, affrontando nuove esperienze, conoscendo nuovi luoghi, persone, abitudini, approcci allo studio e al gioco, in un contesto positivo di relazione con adulti di riferimento.

 

Affido part time
 

Chi si accoglie in famiglia?

Sono bambini o  ragazzi, anche adolescenti,che sono in comunità educativa o nella propria famiglia, che necessitano di una esperienza di relazione continuativa,  limitata al tempo libero e o ad alcuni momenti della quotidianità.
Il contesto dei bambini che vivono in famiglia, frequentemente vede la presenza di un genitore solo, senza rete familiare o amicale di supporto, in temporanea difficoltà nell’organizzazione della quotidianità, come per esempio, per il cambiamento dei turni di lavoro o la necessità di sottoporsi a cure mediche.
Nel caso di bambini in comunità, le loro famiglie frequentemente presentano significative difficoltà nelle funzioni educative .
 

Chi può proporsi per questo tipo di affido?

Single e coppie, con o senza figli, in età anche avanzata. Possono proporsi anche coppie non ancora disponibili a sperimentare l’affido classico “a tutto tempo”.
La disponibilità richiesta dall’affido “part- time” è per tempi delimitati:week end, periodi di vacanza o pomeriggi, a seconda della disponibilità della famiglia.
L’affido ha carattere di temporaneità e viene attivato per tempi concordati in avvio di progetto nel “patto di affido” condiviso tra operatori e famiglia affidataria
 

Quali sostegni?

La famiglia affidataria fruisce dell’accompagnamento e sostegno di una RETE di operatori : i Servizi Sociali dell’Ente Locale, referenti del progetto di affido attivato per il bambino/ragazzo e le varie organizzazioni del privato sociale  coinvolte nel supporto delle famiglie affidataria avvalendosi di figure educative.
La Rete dell’affido cura percorsi di informazione, formazione, conoscenza personalizza della famiglia/persona e della sua disponibilità, supportando l’esperienza degli affidatari sia con modalità individuali (colloqui, incontri, visite domiciliari finalizzati al monitoraggio dell’andamento del progetto di affido, declinato nel Patto di affido)) che di gruppo (gruppi di famiglie affidatarie).
 
Il Comune di Milano eroga un contributo economico (quota affido) alla famiglia affidataria e la copertura assicurativa del minore
 
 
Per maggiori informazioni invia la tua e-mail a:  PSS.FamigliaAffidi@comune.milano.it 
oppure telefona ai numeri: 02 88463012 e 02 88463013
 

news
news
Matteo una storia di affido
Matteo è un bimbo che ha da poco compiuto i due anni. La sua mamma non dà notizie di sè da molti giorni. Di lui si sa ben poco.
È una situazione di cui il Pronto Intervento ha appena cominciato ad occuparsi: la presa in carico è stata determinata da un provvedimento del Tribunale per i Minorenni.
Leggi tutte le altre storie >>>
NOVEMBRE
L M M G V S D
   
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
sponsor