Affido a tutto tempo

Un aiuto a un bambino/a o a un ragazzo/a la cui famiglia si trova in difficoltà.

Affido a tutto tempo

 

Chi si accoglie in famiglia?

Sono bambini/ ragazzi che vivono in famiglia o in comunità educative; hanno differenti età : possono avere pochi anni, frequentare la scuola materna o elementare o la scuola media, oppure più grandi fino a diciassette anni computi; italiani o stranieri; sani o con problemi di salute o di disabilità.
Provengono da situazioni familiari connotate da difficoltàdi varia natura che pregiudicano  in parte o totalmente la capacità dei genitori di occuparsi del figlio in modo adeguato, rispondendo ai suoi bisogni di cura e affettivi e che per questo motivo fruiscono di interventi di sostegno e di aiuto da parte dei Servizi Sociali.
Necessitano di vivere una esperienza di condivisione e affetto per un periodo di tempo più o meno lungo, che può variare da poche settimane, a qualche mese o più anni a seconda delle esigenze del bambino e delle problematiche della sua famiglia
 

Chi può proporsi per questo tipo di affido?

Famiglie con figli o senza, oppure anche persone singole, disponibili ad accogliere nella propria casa, nella propria rete di relazioni e nella vita di ogni giorno un bambino o ragazzo e la sua storia, rispettando la sua provenienza, appartenenza culturale, religiosa ed etnica, per un periodo che può variare da qualche mese a più anni.
La famiglia affidataria si impegna ad assicurargli il mantenimento, l’educazione e le relazioni affettive di cui necessita, favorendo, con le modalità indicate dal progetto di affido (Patto di affido), il rapporto del bambino con la sua famiglia di origine.
 

Quali sostegni?

La famiglia affidataria fruisce dell’accompagnamento e sostegno di una RETE di operatori : i Servizi Sociali dell’Ente Locale, referenti del progetto di affido attivato per il bambino/ragazzo e le varie organizzazioni del privato sociale se coinvolte nel supporto delle famiglie affidatarie.
La Rete dell’affido cura percorsi di informazione, formazione, conoscenza personalizza della famiglia/persona e della sua disponibilità, supportando l’esperienza degli affidatari sia con modalità individuali (colloqui, incontri, visite domiciliari finalizzati al monitoraggio dell’andamento del progetto di affido, declinato nel Patto di affido) che di gruppo (gruppi di famiglie affidatarie).
 
Il Comune di Milano eroga un contributo economico (quota affido) alla famiglia affidataria e la copertura assicurativa del minore
  
Per maggiori informazioni invia la tua e-mail a:  PSS.FamigliaAffidi@comune.milano.it 
oppure telefona ai numeri: 02 88463012 e 02 88463013
 
 

news
news
Matteo una storia di affido
Matteo è un bimbo che ha da poco compiuto i due anni. La sua mamma non dà notizie di sè da molti giorni. Di lui si sa ben poco.
È una situazione di cui il Pronto Intervento ha appena cominciato ad occuparsi: la presa in carico è stata determinata da un provvedimento del Tribunale per i Minorenni.
Leggi tutte le altre storie >>>
OTTOBRE
L M M G V S D
           
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
sponsor